Mostre ed esposizioni d’arte da non perdere | Giugno 2018   

Dalla fotografia, alla pittura e alla scultura: Mostrami vi offre una selezione di mostre interessanti che si potranno visitare nel mese di Giugno in tutta Italia. Non lasciatevele scappare!

L’elica e la luce. Le futuriste. 1912_1944. Dal 7 marzo al 10 maggio a Museo d’Arte Provincia di Nuoro, Via Satta 27 – Nuoro

Questa mostra è dedicata al futurismo e alle donne. Attraverso oltre 100 opere, viene rintracciato l’operato di artiste che hanno firmato i manifesti teorici del futurismo e sperimentato innovazioni di stile e di materiali in ambiti trasversali quali le arti decorative, la scenografia, la fotografia e il cinema, ma anche la danza, la letteratura e il teatro. Non solo artiste ma prima di tutto donne intellettuali la cui vita si intreccia con la scena artistica e culturale del periodo, in cui l’Italia si trovava ferita dal conflitto mondiale ma focalizzata anche sul progresso. Per maggiori informazioni, cliccate qui.

Timide contaminazioni – Adua Martina Rosarno. Dal 26 maggio al 17 giugno presso l’Associazione Culturale Made in Art Parma, via Cagliari, 9 – Parma

Questa mostra d’arte contemporanea presenta le opere della giovane artista Adua Martina Rosarno, che è stata vincitrice della categoria under 30 dell’edizione 2016 del concorso Arteam Cup in collaborazione con il progetto Banca Sistema Arte indetto da Banca Sistema di Milano. In esposizione è “Timide Contaminazioni”, un percorso intrapreso dall’artista attraverso i suoi paesaggi interiori, la cui chiave di lettura è la riflessione sui ricordi, che la porta alla creazione di opere pittoriche in cui sono rappresentati orizzonti lontani e mai raggiungibili nella loro interezza. Maggiori informazioni qui.

Metamorfosi – Mutatas Dicere Formas. Dal 1 giugno al 10 giugno presso la Galleria Theodora, via XX Settembre, 38 – Frascati (Roma)

La mostra espone le opere degli artisti che hanno aderito al bando espositivo dell’Associazione Culturale Officine Incisorie, i quali hanno riflettuto sul concetto di metamorfosi, ispirandosi all’opera di Ovidio. Le opere d’arte utilizzano la tecnica dell’arte incisoria, con la quale il tema ovidiano è esplorato in occasione della ricorrenza del bimillenario del poeta romano. Più informazioni sulla mostra qui.

Sognando Sogni – Samuel Di Blasi. Dal 28 aprile al 22 giugno presso la Galleria ADD-art, via Palazzo dei Duchi, 6 – Spoleto (PG)

La mostra presenta le opere scultoree del giovane artista Samuel Di Blasi, che ha vinto il Premio Ora Italia 2016. Il progetto segue quello precedente “Lo scalatore di Nuvole”, in cui l’artista crea percorsi con le sue sculture,indagando artisticamente come questi oggetti creino una memoria nascosta della realtà, dando un senso dell’irraggiungibile. Per avere più informazioni a riguardo, cliccate qui.

Eurutopia – Luca Canonici. Dal 4 maggio al 29 giugno presso Roma Italia Lab, via dei Marsi, 20 – Roma

La mostra espone le opere fotografiche di Luca Canonici, che si focalizzano per questo progetto sul quartiere di Roma EUR. Il fotografo cattura questo luogo ri-idealizzandolo secondo il proprio concetto di arte, che coinvolge due differenti utopie: quella dell’ideologia politica e della assoluta bellezza. Le fotografie in bianco e nero, più di sessanta sono in esposizione, mostrano come le forme architettoniche di questo quartiere siano viste tra il tempo storico e la contemporaneità, portando a una riflessione emotiva sulla nostra società. Per maggiori informazioni, cliccate qui.

The Last Judgement – Laurina Paperina. Dal 15 marzo al 30 giugno presso Giorgio Chinea Art Cabinet, Galleria Cappellato Pedrocchi – Padova

Le opere esposte nella galleria appartengono all’artista Laurina Paperina, che nonostante la giovane età vanta già esposizioni internazionali. Dipinti, disegni, installazioni e animazioni sono le tecniche con cui di solito lavora questa artista contemporanea, che approccia l’arte e la vita con humor, utilizzando principalmente l’immaginario di eroi contemporanei, che siano supereroi, personaggi di film o cartoni. I temi trattati nei suoi lavori pittorici vengono smorzati dai toni dissacranti e dirompenti e dall’utilizzo di colori accesi. L’idea artistica estremamente pop in questo modo contrasta con lo spazio espositivo, lo storico Caffè Pedrocchi, che rappresenta uno dei simboli della città. Cliccate qui per avere più informazioni sulla mostra.

Tales of Bright and Brittle – Veronica Smirnoff. Dal 16 maggio al 20 luglio presso Galleria Riccardo Crespi, via Giacomo Mellerio, 1 – Milano

La mostra presenta le opere pittoriche dell’artista in inglese di origine russa Veronica Smirnoff, che trae ispirazione delle sue esperienze di luoghi, di racconti e storie. I dipinti, che sono stati realizzati in questi ultimi due anni, utilizzano la tecnica della tempera all’uovo su un supporto di tavola gessata, una metodologia che richiama la tradizione e richiede una tecnicità più profonda. I soggetti sono ispirati a temi diversi, da quadri della tradizione a tematiche contemporanee e l’analisi artistica della pittrice viene rappresentata tra figurazione e astrazione, creando un equilibrio sottile. Cliccate qui per maggiori informazioni.

Where Beauty Softens Your Grief – Gianni Cipriano. Dal 4 maggio al 30 giugno presso la Cripta della Chiesa di San Matteo al Cassaro, via Vittorio Emanuele, 259 – Palermo

La mostra espone le fotografie di Gianni Cipriano, un artista indipendente siciliano che vive tra gli Stati Uniti e l’Italia. Questa esposizione delle sue opere si concentra sul progetto “Where Beauty Softens Your Grief”, in cui il fotografo documenta il lavoro di un altro artista, Isaiah Owens, i cui capolavori sono i cadaveri, che lui prepara per la vita dopo la morte, cancellando i segni di quest’ultima e facendo trapassare solo la loro bellezza grazie alla cosmesi. Le opere fotografiche di Gianni Cipriano portano quindi a una riflessione sulla morta e il valore che gioca la bellezza in questo caso, un valore consolatorio che addolcisce il dolore della perdita di qualcuno. Per ulteriori informazioni, cliccate qui.

Autarchia – Aron Demetz. Dal 8 giugno al 29 luglio presso il Museo Archeologico Nazionale di Napoli, piazza Museo, 19 – Napoli

La mostra presenta le sculture di Aron Demetz, un artista contemporaneo, la cui ricerca artistica è da sempre stata focalizzata sulla figura umana. Al Museo Archeologico Nazionale di Napoli vengono esposte delle opere realizzate appositamente per l’occasione, che si inseriscono alla perfezione all’interno della collezione del museo, costruendo un ponte tra contemporaneo e antico. Le sculture sono di diverse dimensioni e materiali, caratteristica importante per l’artista che crede che il materiale da plasmare per uno sculture è esso stesso fonte d’ispirazione e parte del processo creativo. Ulteriori informazioni si possono trovare qui.

Gong – Eliseo Mattiacci. Dal 2 giugno al 14 ottobre 2018 presso il Forte di Belvedere, via di S. Leonardo, 1 – Firenze

Le opere di Eliseo Mattiacci saranno esposte fino ad ottobre a Firenze nella mostra antologica a lui dedicata “Gong”. L’artista, che rappresenta un simbolo dell’arte contemporanea italiana, è stato un pioniere della sperimentazione e del rinnovamento in scultura, con la quale ha saputo coniugare la dimensione materiale con il sogno metafisico. Nella mostra saranno esposte, oltre alla sue celebri sculture, anche una serie di disegni che dimostrano anche l’abilità nell’attività grafica di Mattiacci. Maggiori informazioni sulla mostra qui.

Superfici Narranti – Ivan Sghirinzetti. Dal 25 giugno al 3 luglio presso il Salone Estense di Varese, via Luigi Sacco, 3 – Varese

La mostra personale del nostro artista Ivan Sghirinzetti esporrà le sue opere di pittura, in cui l’artista cerca di infondere tutta la sua passione, mostrando il suo lato più emotivo. In questo modo il giovane artista vuole rendere l’osservatore partecipe delle sue sensazioni e trasmettergliele attraverso le sue pennellate.

I’m not blonde – Riccardo Bonfadini. Dal 22 giugno presso Art Galley Museum, via Mazzini, 39 – Piacenza

Le opere del nostro artista Riccardo Bonfadini saranno esposte a Piacenza in una mostra irriverente e sopra le righe, che racconta i temi della nostra contemporaneità, utilizzando i suoi stessi prodotti. Il suo accostamento di diversi oggetti, creati da un insieme di pittura e scultura, è supportato da un concetto e un pensiero ben chiaro. Il suo utilizzo della plastica nelle sue opere per esempio è segno di come l’uomo non può allontanarsi dalle tecnologie che egli stesso ha inventato.

Queste e tante altre mostre vi aspettano nel mese di giugno in tutta Italia, andate a scoprirle!

Lascia un Commento

Indirizzo eail che non verrà pubblicatao. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>



Con il Patrocinio ed il contributo di:
Sponsorizzato da: